Arrivare in Sardegna ormai è molto semplice, basta imbarcarsi su un traghetto, ci sono diverse offerte durante tutto l’anno, con prezzi un po’ più elevati a luglio e agosto (se si prenota in anticipo però si possono trovare ottime occasioni) o con i numerosi voli che collegano l’isola al continente, anche se tal volta bisogna fare i conti con cancellazioni e ritardi, in tal caso però si può richiedere rimborso ritardo aereo Meridiana o altra compagnia a seconda di quella con cui si viaggia. Dall’aeroporto di Olbia o di Cagliari, raggiungere la costa orientale è un attimo.

Il vasto Golfo di Orosei

Il Golfo di Orosei è situato sulla costa occidentale dell’isola, una delle più selvagge e sicuramente tra le più belle. Qui ci sono alcune delle calette che hanno reso celebre la Sardegna in tutto il mondo e che sono tra le più belle del Mediterraneo. Il Golfo è ampio e costellato da spiagge, alcune accessibili anche via terra, di una bellezza impressionante, da Caraibi, come Cala Cartoe e Cala Osala, un tempo approdo fenicio e poi romano. Queste due spiagge, situate all’estremità nord del Golfo possono essere comodamente raggiunte in auto, quindi sono facilmente accessibili anche per famiglie con bambini o con diversamente abili.

Una gita in barca

cala goloritzèPer vedere tutte le altre calette, invece, è bene optare per una gita in barca. Ci sono diverse soluzione a diversi prezzi. La più economica è la grande imbarcazione che offre anche il pranzo a bordo, l’inconveniente è che non vi farà vedere le bellezze sotto costa, ma potrà comunque lasciarvi alcune mezzore sulle più belle spiagge come Cala Biriolu, Cala Fuili, Cala Luna, Cala Sisine e Cala Mariolu e la stupenda Cala Goloritzé, caratterizzata dall’arco di roccia che l’ha resa celebre. Un’altra soluzione è il gommone di circa 10 posti, con questo potrete avere una gita più personalizzata e soffermarvi anche sotto costa ad ammirare gli anfratti che il vento e il mare hanno scavato nella roccia.

Un tuffo nelle piscine di Venere

Un tuffo nelle piscine di Venere è d’obbligo. Qui l’acqua ha delle sfumature che catturano la vista e rimangono impresse nella mente anche al ritorno a casa, descriverle a parole è certamente riduttivo. Col gommone potrete fare un bagno di qualche minuto, i più temerari possono anche raggiungere la spiaggia che dista alcuni metri dal punto in cui si ferma il gommone che non può procedere più in avanti.

Le grotte del Bue Marino a Cala Luna

Con l’aggiunta del costo del biglietto si possono visitare anche le grotte del Bue Marino, accessibili solo via mare, rese celebri per la presenza del mammifero che, a onor del vero, oggi non si vede che di rado. Un bagno anche nella splendida Cala Luna, resa famosa per via del fatto che vi è stato girato il film “Travolti da un insolito destino” di Lina Wertmuller con protagonisti una giovane Melato e un affascinante Giancarlo Giannini. Cala Luna può essere raggiunta con un trekking di circa 10 km da Codula di Luna.