Roma è una città meravigliosa in qualsiasi parte dell’anno, quindi la si può visitare sia durante la stagione invernale che durante i mesi più caldi. Ovviamente ogni periodo ha le sue peculiarità, con pro e contro, a partire dal clima ai costi delle strutture ricettive e dalla possibilità di trovare sconti e offerte particolari per visitare monumenti e siti d’interesse. Tuttavia, soprattutto se si giunge dall’estero, vi sono delle cose che bisogna sapere prima di partire, soprattutto per quanto riguarda il sistema sanitario italiano e la possibilità di curarsi qualora se ne presenti la necessità.

Quando visitare Roma

Come detto Roma offre tantissime possibilità durante tutto l’anno, tuttavia, se si preferisce un minimo di tranquillità in più il periodo più propizio da questo punto di vista è di sicuro l’autunno/inverno. Ma anche qui c’è da fare una distinzione. Da ottobre a novembre generalmente ci sono un po’ meno turisti rispetto alla stagione estiva, le piogge non sono abbondanti e il clima è tutto sommato piacevole. Perfetto se si vuole girare anche a piedi. Bellissima anche la primavera, ma in questa stagione iniziano gli eventi culturali e il turismo intensifica il suo volume, quindi c’è un’alta possibilità di fare code agli ingressi. Il clima è ottimo fino a fine aprile, da maggio inizia a fare un po’ più caldo e, soprattutto in centro, può diventare fastidioso.

Durante l’estate il turismo è al massimo delle affluenze, in città fa molto caldo e i monumenti e musei pullulano di gente. Se si viene in questo periodo bisogna mettere in conto lunghe code, sovente, al sole. Vale lo stesso discorso durante le festività, quindi il Natale; il 2 giugno si svolge la consueta parata in onore della Repubblica, se non si prenota per tempo è impossibile trovare posti last minute.

Attenzione agli scioperi

Per quanto Roma sia stupenda, purtroppo non è ben organizzata dal punto di vista delle infrastrutture e spostarsi può diventare un vero incubo. In particolare bisogna prestare particolare attenzione alle giornate di sciopero dei mezzi. In questi casi è il caos. Tutto si blocca e muoversi può non essere facile. Se non si conosce la città è meglio pernottare in una struttura ricettiva più al centro possibile in modo da potersi muovere anche a piedi, diversamente si dovrà calcolare qualche spesa extra per i taxi che, a seconda della tratta, non sono proprio economici. Vale la pena invece noleggiare una bici per i brevi spostamenti, ma se l’hotel o il B&B dovesse trovarsi al di fuori del raccordo l’impresa sarebbe titanica!

E se ci si sente male?

Quando si viaggia purtroppo può capitare di sentirsi male, da un banale mal di pancia, qualche colica, febbre, insomma, in poche parole si può avere bisogno di una visita medica. Ipotizzare una visita a un pronto soccorso non è il caso, a meno che non si tratti davvero di un’urgenza, diversamente la soluzione migliore è quella o di recarsi presso una guardia medica, a pagamento, o alla guardia medica turistica di Trastevere, gratuita, ma dove è possibile comunque trovare lunghe file. Su Roma è possibile anche fruire di una visita a domicilio con un dottore per i turisti, un servizio a pagamento che permette di essere visitati nell’hotel o nel B&B presso il quale si è pernottato.